Il diagnostico che... non lo è.

Pubblicato il da Mauro Goretti

Non fatevi prendere dalla “psicosi da diagnosi”! Ovvero, non è assolutamente vero che facendo girare tanti programmi diagnostici sul PC si ottengano miglioramenti progressivi, soprattutto se i programmi vengono scelti a caso, con la logica di: “L'ho trovato su Internet, è gratis, lo provo”.

Il grosso rischio che si corre è quello di imbattersi in un programma come Windows Diagnostic. Apparentemente è un programma gratuito per rilevare lo “stato di forma” del PC, ma in realtà è un vero e proprio malware (per la precisione uno “scareware”), che si propaga principalmente tramite email contenenti un trojan horse. Windows Diagnostic si annuncia generando una raffica di messaggi di errore riguardanti il vostro hardware, indicando i dischi come prossimi al guasto, le memorie e la CPU come surriscaldate, e via discorrendo. Inoltre, si preoccupa di “simulare” i malfunzionamenti per convincerci che quanto dice corrisponde a realtà. Infine, annuncia di essere in grado di risolvere i problemi (anche quelli hardware...) a patto che voi acquistiate la licenza del software. Se ci cascate, e inserite i dati della vostra carta di credito, vi rimarrà la carta... ma non il credito. Per rimuovere questo falso diagnostico bisogna cancellare una serie di file dalla cartella Applicazioni e parecchie righe dal registro di sistema. Molti siti Internet, anche italiani, elencano in dettaglio le cose da cancellare. Altrimenti si può ricorrere a software per la rimozione automatica del malware. Windows Diagnostic blocca gli antivirus e gli anti- malware: per riuscire ad aggirarne le difese dovrete scaricare il software-antidoto utilizzando Windows in” modalità provvisoria con rete abilitata”.

Interfaccia di un pericoloso Troyan

Commenta il post