Un flusso di energia attraversa gli ecosistemi.

Pubblicato il da Mauro Goretti

Così come i singoli individui anche gli ecosistemi dipendono da un continuo apporto di energia.

Un ecosistema autosufficiente è costituito da tre tipi di organismi cosiddetti: produttori, consumatori e decompositori e da un ambiente appropriato per la loro sopravvivenza.

Tali organismi dipendono l'uno dall'altro e dall'ecosistema per le sostanze nutritizie, l'energia, l'ossigeno e l'anidride carbonica. Tuttavia questo flusso di energia è a senso unico in quanto gli organismi non sono in grado di riciclare l'energia. Durante ogni trasformazione energetica parte dell'energia viene dispersa nell'ambiente sotto forma di calore.

Produttori di cibo.

I Produttori o autotrofi sono piante, alghe e batteri che possono produrre il loro cibo in materiale grezzo. La maggior parte di questi organismi utilizza la luce del sole come fonte di energia e attua la fotosintesi. Durante questo procedimento l'energia solare viene utilizzata per sintetizzare molecole complesse partendo da anidride carbonica e acqua. L'energia luminosa, trasformata in energia chimica, viene accumulata nei legami chimici delle molecole di cibo prodotto. L'ossigeno, necessario non solo alle cellule vegetali ma anche alle cellule della maggior parte degli organismi, è un sottoprodotto finale della fotosintesi. Gli animali, compreso l'uomo, sono dei consumatori, o eterotrofi, organismi che dipendono dai produttori di cibo, energia e ossigeno. Essi ricavano energia degradando le molecole di cibo originariamente prodotte dalla fotosintesi. È opportuno ricordare che il processo di degradazione delle molecole di carburante è conosciuto come: respirazione cellulare. Questo, durante la respirazione cellulare, si ha la rottura di legami chimici, l'energia in essi immagazzinata diviene disponibile nei processi vitali.

Esempio :

cibo + ossigeno anidride carbonica + acqua + energia [ così tradotto ]

sostanza nutritiva - ossigeno sviluppato dalle piante - acqua da anidride carbonica - energia sviluppata da tale processo.

Lo scambio gassoso tra i produttori e i consumatori attraverso l'ambiente contribuisce a mantenere costante la miscela di gas atmosferici indispensabile per la vita, pertanto, anche i consumatori contribuiscono all'equilibrio dell'ecosistema.

Decompositori. Batteri e funghi, sono eterotrofi, pertanto vivono degradando le sostanze di rifiuto e degli organismi morti rendendoli riutilizzabili. Se i decompositori non esistessero, le sostanze nutritizie rimarrebbero intrappolate negli organismi morti e degli elementi necessari ai sistemi viventi verrebbero rapidamente esauriti.

Ecosistema carta globale

Commenta il post